President al-Assad: "Syria will never become a western puppet state, we will fight terrorism and freely build relationships that best serve the interests of the Syrians" ~ (ENG-FRA-ESP-ITA)

assad-20130828

Damascus, (SANA) – President Bashar al-Assad stressed that Syria is a sovereign country that will fight terrorism and will freely build relationships with countries in a way that best serves the interests of the Syrian people.

In an interview with the Russian newspaper of Izvestia, President al-Assad stressed that “the majority of those we are fighting are Takfiris, who adopt the al-Qaeda doctrine, in addition to a small number of outlaws.”

On the alleged use of chemical weapons, President al-Assad said that the statements by the US administration, the West and other countries were made with disdain and blatant disrespect of their own public opinion, adding that “there isn’t a body in the world, let alone a superpower, that makes an accusation and then goes about collecting evidence to prove its point.”

His Excellency stressed that these accusations are completely politicised and come on the back of the advances made by the Syrian Army against the terrorists.

Here is the full content of the interview:

Q1 Interviewer: Mr President, the most pressing question today is the current situation in Syria. What parts of the country remain under the rebels’ control?

President al-Assad: From our perspective, it’s not a matter of labelling areas as controlled by terrorists or by the government; we are not dealing with a conventional occupation to allow us to contextualise it in this manner. We are fighting terrorists infiltrating particular regions, towns or peripheral city areas. They wreak havoc, vandalise, destroy infrastructure and kill innocent civilians simply because they denounce them. The army mobilises into these areas with the security forces and law enforcement agencies to eradicate the terrorists, those who survive relocate to other areas. Therefore, the essence of our action is striking terrorism.

Our challenge, which has protracted the situation, is the influx of large amounts of terrorists from other countries – estimated in the tens of thousands at the very least. As long as they continue to receive financial and military aid, we will continue to strike them. I can confirm that there has not been any instance where the Syrian Army has planned to enter a particular location and has not succeeded in eliminating the terrorists within it.

1234798_529909510416038_486406967_n3

The majority of those we are fighting are Takfiris, who adopt the al-Qaeda doctrine, in addition to a small number of outlaws

The majority of those we are fighting are Takfiris, who adopt the al-Qaeda doctrine, in addition to a small number of outlaws, so as I said this not about who controls more areas of land. Wherever terrorism strikes, we shall strike back.

Q2 Interviewer: Yet, Western mainstream media claim that the terrorists control 40% to 70% of Syrian territory; what is the reality?

President al-Assad: There isn’t an army in the world that can be present with its armament in every corner of any given country. The terrorists exploit this, and violate areas where the army is not present. They escape from one area to another, and we continue to eradicate them from these areas with great success. Therefore, I reiterate, the issue is not the size of the territories they infiltrate but the large influx of terrorists coming from abroad.

The more significant criterion to evaluate success is – has the Syrian Army been able to enter any area infiltrated by terrorists and defeat them? Most certainly the answer is yes; the army has always succeeded in this and continues to do so. However, this takes time because these types of wars do not end suddenly, they protract for prolonged periods and as such carry a heavy price. Even when we have eradicated all the terrorists, we will have paid a hefty price.

Q3 Interviewer: Mr President, you have spoken of Islamist Takfiri extremists’ fighters who have entered Syria. Are they fragmented groups who fight sporadically? Or do they belong to a coherent major force that seeks to destroy the security and stability in Syria and the whole Middle East?

President al-Assad: They have both traits. They are similar in that they all share the same extremist Takfiri doctrine of certain individuals such as Zawahiri; they also have similar or identical financial backing and military support. They differ on the ground in that they are incoherent and scattered with each group adhering to a separate leader and pursuing different agendas. Of course it is well known that countries, such as Saudi Arabia, who hold the purse strings can shape and manipulate them to suit their own interests.

Ideologically, these countries mobilise them through direct or indirect means as extremist tools. If they declare that Muslims must pursue Jihad in Syria, thousands of fighters will respond. Financially, those who finance and arm such groups can instruct them to carry out acts of terrorism and spread anarchy. The influence over them is synergised when a country such as Saudi Arabia directs them through both the Wahhabi ideology and their financial means.

Q4 Interviewer: The Syrian government claims a strong link between Israel and the terrorists. How can you explain this? It is commonly perceived that the extremist Islamists loathe Israel and become hysterical upon hearing its name.

President al-Assad: If this was the case, why is it then that when we strike the terrorists at the frontier, Israel strikes at our forces to alleviate the pressure off of them? Why, when we blockade them into an area does Israel let them through their barricades so they can come round and re-attack from another direction? Why has Israel carried out direct strikes against the Syrian Army on more than one occasion in recent months? So clearly this perception is inaccurate. It is Israel who has publically declared its cooperation with these terrorists and treated them in Israeli hospitals.

If these terrorist groups were indeed hostile to Israel and hysterical even on the mention of the word as you mention, why have they fought the Soviet Union, Syria and Egypt, whilst never carrying out a single strike against Israel? Who originally created these terrorist groups? These groups were initially created in the early 80’s by the United States and the West, with Saudi funding, to fight the Soviet Union in Afghanistan. So logically speaking, how could such groups manufactured by the US and the West ever strike Israel!

Q5 Interviewer: Mr. President, this interview will be translated into several international languages, and shall be read by world leaders, some who may currently be working against you. What would you like to say to them?

President al-Assad: Today there are many Western politicians, but very few statesmen. Some of these politicians do not read history or even learn from it, whilst others do not even remember recent events. Have these politicians learned any lessons from the past 50 years at least? Have they not realised that since the Vietnam War, all the wars their predecessors have waged have failed? Have they not learned that they have gained nothing from these wars but the destruction of the countries they fought, which has had a destabilising effect on the Middle East and other parts of the world? Have they not comprehended that all of these wars have not made people in the region appreciate them or believe in their policies?

From another perspective, these politicians should know that terrorism is not a winning card you play when it suits you and keep it in your pocket when it doesn’t. Terrorism is like a scorpion; it can unexpectedly sting you at any time. Therefore, you cannot support terrorism in Syria whilst fighting it in Mali; you cannot support terrorism in Chechnya and fight it in Afghanistan.

To be very precise, I am referring to the West and not all world leaders, if these western leaders are looking to achieve their interests, they need to listen to their own constituents and to the people in this region rather than seeking to install ‘puppet’ leaders, in the hope that they would be able to deliver their objectives. In doing so, western policy may become more realistic in the region.

559446_228223457278301_825730551_n

Syria will never become a Western ‘puppet’ state

Our message to the world is straightforward: Syria will never become a Western ‘puppet’ state. We are an independent country; we will fight terrorism and we will freely build relationships with countries in a way that best serves the interests of the Syrian people.

Q6 Interviewer: On Wednesday, the rebels accused the Syrian government of using chemical weapons; some Western leaders adopted these accusations. What is your response to this? Will you allow the UN inspectors access to the site to investigate the incident?

President al-Assad: The statements by the American administration, the West and other countries were made with disdain and blatant disrespect of their own public opinion; there isn’t a body in the world, let alone a superpower, that makes an accusation and then goes about collecting evidence to prove its point. The American administration made the accusation on Wednesday and two days later announced that they would start to collect the evidence – what evidence is it going to gather from afar?!

CW use accusations are completely politicised and come on the back of the advances made by the Syrian Army against the terrorists

They claim that the area in question is under the control of the rebels and that the Syrian Army used chemical weapons. In fact, the area is in contiguity with the Syrian Army positions, so how is it possible that any country would use chemical weapons, or any weapons of mass destruction, in an area where its own forces are located; this is preposterous! These accusations are completely politicised and come on the back of the advances made by the Syrian Army against the terrorists.

As for the UN Commission, we were the first to request a UN investigation when terrorists launched rockets that carried toxic gas in the outskirts of Aleppo. Several months before the attack, American and Western statements were already preparing public opinion of the potential use of chemical weapons by the Syrian government. This raised our suspicion that they were aware of the terrorists’ intentions to use these weapons in order to blame the Syrian government. After liaising with Russia, we decided to request a commission to investigate the incident. Whereas we requested an investigation based on the facts on the ground, not on rumours or allegations; the US, France and the UK have tried to exploit the incident to investigate allegations rather than happenings.

During the last few weeks, we have worked with the Commission and set the guidelines for cooperation. First of these, is that our national sovereignty is a red line and as such the Commission will directly liaise with us during the process. Second, the issue is not only how the investigation will be conducted but also how the results will be interpreted. We are all aware that instead of being interpreted in an objective manner, these results could easily be interpreted according to the requirements and agendas of certain major countries. Certainly, we expect Russia to block any interpretation that aims to serve American and western policies. What is most important is that we differentiate between western accusations that are based on allegations and hearsay and our request for an investigation based on concrete evidence and facts.

Q7 Interviewer: Recent statements by the American administration and other Western governments have stated that the US has not ruled out military intervention in Syria. In light of this, is it looking more likely that the US would behave in the same way it did in Iraq, in other words look for a pretext for military intervention?

President al-Assad: This is not the first time that the possibility of military intervention has been raised. From the outset, the US, along with France and Britain, has strived for military intervention in Syria. Unfortunately for them, events took a different course with the balance shifting against their interests in the Security Council despite their numerous attempts to haggle with Russia and China, but to no avail. The negative outcomes that emerged in Libya and Egypt were also not in their favour.

All of this made it impossible for them to convince their constituents and the world that they were following sound or successful policies.

The situation in Libya also differs to that of Egypt and Tunisia, and Syria as I have said is very different from all these. Each country has a unique situation and applying the same scenario across the board is no longer a plausible option. No doubt they can wage wars, but they cannot predict where they will spread or how they will end. This has led them to realise that all their crafted scenarios have now spiralled out of their control.

It is now crystal clear to everybody that what is happening in Syria is not a popular revolution pushing for political reform, but targeted terrorism aimed at destroying the Syrian state. What will they say to their people when pushing for military intervention: we are intervening in Syria to support terrorism against the state?!

Q8 Interviewer: What will America face should it decide on military intervention or on waging a war on Syria?

1175019_529909503749372_2119988222_n3

Global powers can wage wars, but can they win them?

President al-Assad: What it has been confronted with in every war since Vietnam… failure. America has waged many wars, but has never been able to achieve its political objectives from any of them. It will also not be able to convince the American people of the benefits of this war, nor will it be able to convince the people in this region of their policies and plans. Global powers can wage wars, but can they win them?

Q9 Interviewer:  Mr. President, how is your relationship with President Vladimir Putin? Do you speak on the phone? If so, what do you discuss?

President al-Assad: I have a strong relationship with President Putin, which spans back many years even before the crisis. We contact each other from time to time, although the complexity of events in Syria cannot be discussed on the phone. Our relationship is facilitated through Russian and Syrian officials who exchange visits, the majority of which are conducted away from the glare of the media.

Current priorities are to work towards easing the violence in Syria

Q10 Interviewer: Mr. President, are you planning to visit Russia or invite President Putin to visit Syria?

President al-Assad: It is possible of course; however the current priorities are to work towards easing the violence in Syria, there are casualties on a daily basis. When circumstances improve, a visit will be necessary; for now, our officials are managing this relationship well.

Q11 Interviewer: Interviewer: Mr. President, Russia is opposing the US and EU policies, especially with regards to Syria, what would happen were Russia to make a compromise now? Is such a scenario possible?

President al-Assad: Russian-American relations should not be viewed through the context of the Syrian crisis alone; it should be viewed in a broader and more comprehensive manner. The US presumed that with the collapse of the Soviet Union, Russia was perpetually destroyed. After President Putin took office in the late 90s, Russia began to gradually recover and regain its international position; hence the Cold War began again, but in a different and subtler manner.

The US persisted on many fronts: striving to contain Russian interests in the world, attempting to influence the mentality of Russians closer to the West both in terms of culture and aspiration. It worked diligently to eliminate Russia’s vital and powerful role on many fronts, one of which is Syria.

You may be wondering, like many Russians, why Russia continues to stand by Syria. It is important to explain this reason to the general public: Russia is not defending President Bashar al-Assad or the Syrian government, since the Syrian people should decide their president and the most suitable political system – this is not the issue. Russia is defending the fundamental principles it has embraced for more than a hundred years, the first of which is independence and the policy of non-interference in internal affairs. Russia itself has suffered and continues to suffer from such interference.

Additionally, Russia is defending its legitimate interests in the region. Some superficial analysts narrow these interests to the Port of Tartous, but in reality Russia’s interests are far more significant. Politically speaking, when terrorism strikes Syria, a key country in the region, it would have a direct impact on stability in the Middle East, which would subsequently affect Russia. Unlike many western governments, the Russian leadership fully understands this reality. From a social and cultural perspective, we must not forget the tens of thousands of Syrian-Russian families, which create a social, cultural and humanitarian bridge between our two countries.

If Russia were to seek a compromise, as you stipulated, this would have happened one or two years ago when the picture was blurred, even for some Russian officials. Today, the picture is crystal clear. A Russia that didn’t make a compromise back then, would not do so now.

Q12 Interviewer: Mr. President, are there any negotiations with Russia to supply fuel or military hardware to Syria? With regards to the S-300 defence system contract in particular, have you received it?

Contracts signed with Russia are being honoured and neither the crisis nor the pressure from the US, European or Gulf countries’ have affected their implementation

President al-Assad: Of course, no country would publically declare what armaments and weapons it possesses, or the contracts it signs in this respect. This is strictly classified information concerning the Armed Forces. Suffice to say that all contracts signed with Russia are being honoured and neither the crisis nor the pressure from the US, European or Gulf countries’ have affected their implementation. Russia continues to supply Syria with what it requires to defend itself and its people.

Q13 Interviewer: Mr President, what form of aid does Syria require from Russia today? Is it financial or perhaps military equipment? For example would Syria request a loan from Russia?

President al-Assad: In the absence of security on the ground, it is impossible to have a functioning and stable economy. So firstly, the support that Russia is providing through agreed military contracts to help Syrians defend themselves will lead to better security, which will in turn help facilitate an economic recovery. Secondly, Russia’s political support for our right of independence and sovereignty has also played a significant role. Many other countries have turned against us politically and translated this policy by cutting economic ties and closing their markets. Russia has done the complete opposite and continues to maintain good trading relations with us, which has helped keep our economy functioning. Therefore in response to your question, Russia’s supportive political stance and its commitment to honour the agreed military contracts without surrendering to American pressure have substantially aided our economy, despite the negative bearings the economic embargo – imposed by others, has had on the lives of the Syrian people.

From a purely economic perspective, there are several agreements between Syria and Russia for various goods and materials. As for a loan from Russia, this should be viewed as beneficial to both parties: for Russia it is an opportunity for its national industries and companies to expand into new markets, for Syria it provides some of the funding necessary to rebuild our infrastructure and stimulate our economy. I reiterate that Russia’s political stance and support have been instrumental in restoring security and providing the basic needs for the Syrian people.

Q14 Interviewer: Mr. President, do these contracts relate to fuel or basic food requirements?

President al-Assad: Syrian citizens are being targeted through their basic food, medical and fuel requirements. The Syrian government is working to ensure these basic needs are available to all Syrians through trade agreements with Russia and other friendly countries.

Q15 Interviewer: Returning to the situation in Syria and the current crisis. We are aware that you successively issue amnesties. Do these amnesties include rebels? And do some of them subsequently change sides to fight with the Armed Forces?

Certain groups have switched from fighting against the army to fighting beside it

President al-Assad: Yes, this is in fact the case. Recently, there has been a marked shift, especially since the picture has become clearer to many that what is happening in Syria is sheer terrorism. Many have come back into the mainstream of civil life, surrendering their weapons and benefitting from the amnesties to help them return to their normal lives. Most remarkably, there are certain groups who have switched from fighting against the army to fighting beside it; these people were either misled by what was propagated in the media or were initially militarised under threats from the terrorists. It is for this very reason that from the start of the crisis, the Syrian government has adopted an open door policy to all those who wanted to U-turn on the initial route they took against their country. Despite the fact that many people in Syria were opposed to this policy, it has proven to be effective and has helped alleviate some of the tension from the crisis.

Q16 Interviewer: Mr. President, Syria’s relations with several states are collapsing consecutively, such as Qatar, Saudi Arabia and Turkey. Who are your true allies, and who are your enemies?

President al-Assad: The countries that support us are well known to everyone: internationally – Russia and China, regionally – Iran. However, we are starting to see a positive shift on the international arena. Certain countries that were strongly against Syria have begun to change their positions; others have started to reinitiate relations with us. Of course, the changes in these countries’ positions do not constitute direct support.

In contrast, there are particular countries that have directly mobilised and buttressed terrorism in Syria. Predominantly Qatar and Turkey in the first two years; Qatar financed while Turkey provided logistical support by training terrorists and streaming them into Syria. Recently, Saudi Arabia has replaced Qatar in the funding role. To be completely clear and transparent, Saudi Arabia has nothing but funding; those who only have money cannot build a civilisation or nurture it. Saudi Arabia implements its agenda depending on how much money it commands.

Turkey is a different case. It is pitiful that a great country such as Turkey, which bears a strategic location and a liberal society, is being manipulated by a meagre amount of dollars through a Gulf state harbouring a regressive mentality. It is of course the Turkish Prime Minister who shoulders responsibility for this situation and not the Turkish people with whom we share a great deal of heritage and traditions.

Q17 Interviewer: Mr. President, what makes Russian-Syrian relations so strong? Is it geopolitical interests? Or that they jointly share a struggle against terrorism?

President al-Assad: There is more than one factor that forges Syrian-Russian relations so strongly. First of which is that Russia has suffered from occupation during World War II and Syria has been occupied more than once. Secondly, since the Soviet era, Russia has been subjected to continuous and repeated attempts of foreign intervention in its internal affairs; this is also the case with Syria.

Thirdly but no less significantly is terrorism. In Syria, we understand well what it means when extremists from Chechnya kill innocent civilians, what it means to hold under siege children and teachers in Beslan or hold innocent people hostage in Moscow’s theatre. Equally, the Russian people understand when we in Syria refer to the identical acts of terrorism they have suffered. It is for this reason that the Russian people reject the Western narrative of “good terrorists and bad terrorists.”

In addition to these areas, there are also the Syrian-Russian family ties I mentioned earlier, which would not have developed without common cultural, social and intellectual characteristics, as well as the geopolitical interests we also spoke of. Russia, unlike the Europeans and the West, is well aware of the consequences of destabilising Syria and the region and the affect this will have on the inexorable spread of terrorism.

All of these factors collectively shape the political stance of a great country like Russia. Its position is not founded on one or two elements, but rather by a comprehensive historical, cultural and intellectual perspective.

Q18 Interviewer: Mr. President, what will occur in Geneva 2, what are your expectations from this conference?

President al-Assad: The objective of the Geneva conference is to support the political process and facilitate a political solution to the crisis. However, this cannot be accomplished before halting the foreign support to terrorism. We expect that the Geneva conference would start applying pressure on the countries supporting terrorism in Syria, to stop the smuggling of weapons and the streaming of foreign terrorists into the country. When this is achieved, political steps can be easily pursued, most imperative of which is initiating a dialogue between Syrians to discuss the future political system, the constitution, various legislations and others.

Interviewer: Thank you for your sincerity and for such a transparent discussion during this interview.

.

1016038_499466430127013_1731700044_n2

FRA

Al-Assad au journal Izvestia : Nous sommes un Etat indépendant et nous poursuivront la lutte contre le terrorisme

Damas / Le président al-Assad a qualifié les accusations proférées contre la Syrie sur l’usage des armes chimiques de “totalement politisées”, précisant qu’elles interviennent après la progression réalisée par l’armée syrienne face aux terroristes.

Dans une interview accordée au quotidien russe Izvestia, le président al-Assad a affirmé que la Syrie est un Etat indépendant qui va lutter contre le terrorisme et établir des relations avec les Etats qu’elle désire avec liberté et d’une façon qui réalise les intérêts du peuple syrien. “Le message adressé par la Syrie à tout le monde est que le rêve de faire de la Syrie un jeu de l’Occident est irréalisable”, a-t-il déclaré.

Le président al-Assad a ajouté que le problème qui a causé la poursuite des événements est l’entrée en Syrie d’un grand nombre de terroristes de l’extérieur, plus de dizaines de milliers, dont un grand nombre de takfiris qui portent la pensée d’al-Qaëda, et d’autres qui sont hors-la-loi.

A une question sur l’existence d’une relation étroite entre Israël et les terroristes, le président al-Assad a indiqué que celui qui parle d’une coopération entre ces deux parties est Israël lui-même qui a proclamé, à plusieurs reprises, avoir traité des dizaines de terroristes dans ses hôpitaux.

20130826-131240.jpg

Le président syrien a qualifié d'”insensées” les accusations occidentales sur l’attaque chimique perpétrée par l’armée syrienne et a averti les Etats-Unis que leurs projets sur une intervention militaire en Syrie étaient voués à l’échec.

“Les déclarations faites par des hommes politiques aux Etats-Unis et en Occident font fi à l’opinion publique”, a-t-il déclaré. “Les Etats-Unis essuieront un échec comme dans toutes leurs guerres précédentes, à commencer par le Vietnam, s’ils décident de mener une opération militaire en Syrie”, a-t-il ajouté.

A propos de la commission d’enquête internationale, le président al-Assad a indiqué que c’est la Syrie qui était la première à demander cette enquête quand les terroristes avaient lancé des missiles de gaz toxique sur la banlieue d’Alep, au nord de la Syrie, surtout que les déclarations américaines et occidentales, avant cet incident et tout le long de mois, parlaient d’un possible usage par l’Etat des armes chimiques.

“Lors des dernières semaines un dialogue avait eu lieu entre la Syrie et la commission d’enquête et nous avons mis au point des règles de coopération, où la ligne rouge est la souveraineté nationale”, a précisé le président al-Assad qui a fait noter que ce qui compte n’est pas seulement l’enquête mais ses résultats qui peut être expliqués selon l’humeur des grandes puissances.

“Nous attendons de la Russie d’empêcher toute explication qui sert les politiques américaines et occidentales, et nous espérons expliquer les résultats d’une façon objective et de faire la distinction entre les accusations occidentales basées sur des prétentions et rumeurs et l’enquête escomptée basée sur des preuves tangibles.

Concernant les déclarations faites ces derniers jours sur une possible opération militaire contre la Syrie, le président al-Assad a indiqué que l’image en Syrie est claire, ajoutant ce qui s’y déroule n’est ni une révolution populaire ni des demandes de réforme mais un terrorisme qui essaye de frapper l’Etat.

Il s’est interrogé à cet effet: “Ce n’est pas la 1ère fois que cette question est mise à la table mais qu’est ce que ces pays vont dire à leurs peuples ? Nous partons en Syrie pour soutenir le terrorisme contre l’Etat ?”.

“Les grands Etats sont capables de déclencher les guerres mais sont-ils capables de remporter la victoire ?”, a poursuivi le président al-Assad.

20130826-131310.jpgLe président al-Assad, a, par ailleurs, qualifié de solides ses liens avec le président russe depuis des années avant la crise, précisant que la Russie ne défend pas le président Bachar al-Assad ou l’Etat syrien, mais elle défend en premier lieu les principes qu’elle en croit, dont l’indépendance des Etats et la non-ingérence dans leurs affaires intérieures, surtout que la Russie avait souffert et souffre toujours de cette question. “La deuxième raison est que la Russie défend ses intérêts dans la région, d’autant plus que le terrorisme qui frappe la Syrie aura ses répercussions sur la stabilité du Moyen-Orient, notamment la Syrie, et sur la Russie.

Le président al-Assad a indiqué que tous les contrats conclus avec la Russie sont en cours d’exécution et que la crise ou les pressions américaines et européennes n’ont pas influé leur mise en vigueur. Il a précisé que ce que fournit la Russie à l’heure actuelle pour aider les Syriens à se défendre entre dans le cadre des accords militaires ce qui aboutira en fin de compte à l’amélioration de la situation économique.

Au niveau économique, le président al-Assad a souligné que des contrats avaient été conclus avec la Russie sur les denrées et les marchandises de différentes sortes, ce qui constitue une opportunité pour que la Russie ouvre un marché plus grand devant les sociétés russes et une occasion pour la réhabilitation de l’infrastructure et la ranimation de l’économie syrienne.

Le président al-Assad a fait état d’un changement de positions par certains Etats et d’autres qui ont commencé à établir des relations avec la Syrie.

Le président al-Assad a évoqué plusieurs points qui rendent la relation syro-russe solide, dont le rapprochement culturel, social et intellectuel, à ajouter les intérêts géopolitiques et le pont social, culturel et humain dressé entre les deux pays.

A une question sur ce qu’attend de la conférence de Genève, le président al-Assad a indiqué qu’on ne peut pas entamer le volet politique avant l’arrêt du soutien apporté au terrorisme en Syrie par l’exercice de pressions sur les Etats y impliqués, via la mise d’un terme à la contrebande d’armes et l’arrêt de l’envoi des terroristes étrangers vers le pays. “En accomplissant cette étape, il sera facile de travailler sur les étapes politiques, à commencer par le dialogue entre les parties syriennes sur la forme de l’Etat futur, la constitution, les lois et autres.

.

1017189_499466426793680_710759450_n2

ESP

Presidente al-Assad: sueñan aquellos que creen que Siria podría convertirse en un títere de Occidente

El presidente Bashar al-Assad, dijo que el mensaje de Siria al mundo es que “si alguien sueña con que Siria podría convertirse en un títere de Occidente, este sueño no se hará realidad”, y agregó: “Somos un Estado independiente, vamos a luchar contra el terrorismo y vamos a construir nuestras relaciones con los países que queremos libremente y teniendo en cuenta el interés del pueblo sirio”.

En una entrevista con el diario ruso “Izvestia”, el presidente al-Assad dijo que “los que enfrentan el Ejército sirio ahora, son en su mayoría Takfiristas que portan la ideología de al-Qaeda”, destacando que “el terrorismo será golpeado con fuerza dondequiera que perpetra sus crímenes”…

“Lo que hace el Ejército es luchar contra el terrorismo,… no se trata de un enemigo que ocupó nuestra tierra, sino de terroristas, criminales que matan a los ciudadanos inocentes y destruyen la infraestructura”, precisó.

En este contexto, se dirigió a “los líderes de algunos países de Occidente”, advirtiéndoles de que “el terrorismo no es un as en la manga que se saca en cualquier momento para después guardarlo de nuevo”. “El terrorismo es como un escorpión que pica en cualquier momento. .. No se puede apoyar el terrorismo en Siria y combatirlo en Mali. No se puede apoyar el terrorismo en Chechenia y estar en su contra en Afganistán”.

Sobre la cooperación entre Israel y los terroristas, el presidente dijo que “quien habla acerca de la cooperación entre los israelíes y los terroristas es Israel misma, que en más de una ocasión anunció que se ocupa de tratar a decenas de terroristas en sus hospitales”

“Existe una estrecha relación entre Israel y los terroristas, y cuando el Ejército choca con los armados en la frontera, Israel se enfrenta con nuestras tropas para aliviar la presión sobre los armados, y cuando los armados son bloqueados, Israel les abre las fronteras para que puedan maniobrar y atacar desde otra dirección… además más de una vez Israel anunció que se ocupa de tratar a decenas de terroristas en sus hospitales…”, dijo.

Sobre el tema que actualmente ocupa a quienes tocan los tambores de guerra, Al-Assad rechazó categóricamente las recientes acusaciones por parte de los adversarios y algunos dirigentes occidentales de un ataque con armas químicas por parte de las fuerzas gubernamentales. “Semejantes acusaciones tienen carácter político, y vienen en el contexto de los avances logrados por el Ejército Árabe Sirio contra los terroristas”.

“Acusan al Gobierno de Siria de haber disparado armas químicas contra una zonas que supuestamente está controlada por los rebeldes, pero en realidad en esta zona no hay una frontera clara entre el Ejército y los insurgentes”, explica. “¿Cómo podría el Ejército sirio utilizar armas químicas o cualquier otro tipo de armas de destrucción masiva, en un lugar donde están concentradas sus tropas?, se preguntó al-Assad añadiendo que esto “es contrario a la lógica básica”.

Y en este mismo contexto de las falsas acusaciones que se repiten de nuevo sobre el uso de armas químicas por parte del Gobierno sirio, el presidente al-Assad recordó que fue el Gobierno sirio quien invitó a los expertos extranjeros “cuando los terroristas lanzaron un misil con gas tóxico contra un poblado cerca de Alepo”.

“Queríamos que se convencieran de que no fuimos nosotros, sino nuestros adversarios, los que utilizaron armas químicas, especialmente que las declaraciones estadounidenses y occidentales antes de ese incidente y durante los meses anteriores hacían mención de la posibilidad del uso de armas químicas por parte del Estado sirio… eso es lo que nos hizo sospechar de que tienen información sobre la intención de los terroristas de utilizar esta arma para acusar al Estado sirio. Después de la coordinación con Rusia sobre lo que pasó, decidimos hacer pedir en envío de una comisión para investigar el asunto, pero Estados Unidos, Gran Bretaña y Francia querían principalmente utilizarlo contra de Siria a través de unas investigaciones basadas en alegaciones y no en hechos, tal y como hacen ahora .. Pero nosotros pedimos que se investiguen los hechos sobre el terreno y no los rumores o acusaciones”, explicó al-Assad a los periodistas.

“Durante las últimas semanas tuvimos conversaciones con la comisión de investigación y pusimos las reglas para la cooperación cuya línea roja es la soberanía nacional, pues todo se llevará a cabo en coordinación con nosotros, y eso es primordial”, añadió.

Asimismo, aclaró que “la postura política de Rusia y su apoyo a Siria es la base que repercutió y está repercutiendo sobre los múltiples aspectos del restablecimiento de la seguridad y la provisión de las necesidades básicas de los ciudadanos sirios”.

“Usted podría preguntarse, como cualquier ciudadano ruso se pregunta por qué Rusia está con Siria. Es importante explicar esto a todos, Rusia hoy en día no está defendiendo al presidente Bashar al-Assad y al Estado sirio, pues el pueblo de Siria pueden elegir un presidente y formar el Estado que quiere y esto no es un problema, pero Rusia está defendiendo ahora y ¨en primer lugar¨ a los principios en los que cree desde hace ya por lo menos cien años, encabezados por la independencia de los Estados y la no injerencia en sus asuntos internos, sobre todo que Rusia sufrió de esta cuestión y siguen sufriendo “una injerencia en sus asuntos internos.”, explica.

La segunda razón, explica, es que Rusia defiende sus intereses en la región, “y está en su derecho de hacerlo”,… pues el terrorismo al golpear a Siria afecta la estabilidad en todo el Medio Oriente, sobre todo que Siria es un Estado principal en el mismo, … “los dirigentes rusos, al contrario de las dirigencias en los países occidentales, son conscientes de que la turbulencia afectará a Rusia”.

Al-Assad aclaró: “Enfrentamos a terroristas que entran en las zonas y los poblados o las afueras de las ciudades desatando corrupciones y destrucciones y matando a los inocentes que se les oponen, y mientras hacen eso sabotean la infraestructura… luego intervienen el ejército, las fuerzas de seguridad y la policía para sacarles de esas zonas y eliminarles y los remanentes se trasladan a otros lugares y así en sucesivo”… “La esencia de lo que hacemos es eliminar a los terroristas y el problema al que nos enfrentamos, y es el que causa la continuación de estos incidentes, es la llegada de grandes cantidades de terroristas de fuera de Siria”… “Decenas de miles y más entran a Siria y continúa el apoyo a los mismos con dinero y armas, y a la vez, continúan nuestros golpes a los terroristas donde quiera que se encuentren”, dijo el presidente.

“Ningún ejército en el mundo o en cualquier país se encuentra desplegado sobre todo el territorio nacional y los terroristas aprovechan esta cuestión e intentan acceder a todo lugar donde no están presentes los militares… ellos se mueven en diferentes direcciones y nosotros les perseguimos de un lugar a otro, … eliminar a todos los terroristas es solo cuestión de tiempo”, precisó el presidente.

En respuesta a una pregunta acerca de los combatientes islamistas takfiristas que llegan a Siria, el presidente dijo que “lo que une a los grupos armados en Siria es el pensamiento y las fuentes de financiación, pues su pensamiento es takfirista extremista y su fuente de financiamiento es la misma, pero se distinguen unos de otros por su trabajo sobre el terreno, pues son grupos dispersos que les orientan países que los apoyan intelectual y financieramente, como Arabia Saudita, por ejemplo”.

En cuanto a la zona donde fueron supuestamente utilizadas las armas químicas, el presidente dijo que “esas zonas son de contacto y choques entre el ejército sirio y los armados, y ningún país ataca a una zona así con un arma química o cualquier arma de destrucción masiva porque esto contradice la razón y la lógica, por lo que estas acusaciones son absolutamente politizadas y vienen en el contexto de los avances logrados por el ejército contra los terroristas”.

Asimismo, agregó que “las declaraciones de políticos en EE.UU., Occidente y otros países son un insulto al sentido común y una ofensa hacia la opinión pública de su pueblo”, tachando de “absurdo” el hecho de que EE.UU. “primero lanza sus acusaciones y luego procede a reunir pruebas”.

Respondiendo a una pregunta sobre una posible intervención militar externa, el presidente dijo que no es la primera vez que se plantea una opción militar contra Siria; desde el comienzo, Estados Unidos buscó junto con Francia y Gran Bretaña una intervención militar, pero las cosas en el Consejo de Seguridad se fueron en contra de sus intereses, y trataron mucho regatear con Rusia y China, pero no lo lograron”…

“EE.UU. no pudo convencer a su pueblo y a todo el mundo de que su política en el Oriente Medio es inteligente y útil”,

“Si EE.UU. finalmente se aventura a lanzar un ataque contra Siria o incluso una invasión, fracasarán, igual que en otras guerras que desataron, empezando desde Vietnam”,…”EE.UU. participó en muchas guerras, pero nunca consiguió los objetivos políticos que las motivaron”, puntualizó Al Assad.

En este caso, explica el mandatario, los líderes occidentales no pueden decir a sus ciudadanos: “vamos a Siria para apoyar el terrorismo”.

El presidente destacó que “la situación en Libia es diferente de Egipto y de Túnez, y Siria es diferente de todos los países; ellos pueden comenzar una guerra, pero no pueden saber dónde ni cómo irá a extenderse o terminar, por ello, llegaron a la convicción de que todos los escenarios que pusieron están finalmente fuera de su control”.

.

ITA

Bashar-al-assad-A-brave-man-20130826

INTERVISTA CON IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ARABA SIRIANA, Dott. BASHAR AL ASSAD, rilasciata in data 26 agosto 2013 al quotidiano russo Izvestia. 

  • Il Presidente Bashar al Assad ha affermato che se c’è chi sogna che la Siria possa essere una marionetta dell’occidente, ebbene questo è un sogno che non si avvererà, aggiungendo che la Siria è uno Stato indipendente che combatterà il terrorismo e manterrà i rapporti con i Paesi che vuole, in piena libertà e negli interessi del popolo siriano.
  • Il Presidente, in un’intervista con il quotidiano russo Izvestia,  ha ribadito che coloro i quali la Siria sta affrontando sono in larga misura takfiristi di ideologia qaedista, mentre una minoranza di loro sono fuorilegge, aggiungendo che ovunque colpirà il terrorismo, la Siria contrattaccherà.
  • Il Presidente ha sottolineato che chi parla della collaborazione tra israeliani e terroristi, è la stessa Israele, che più di una volta ha annunciato di curare decine di terroristi nei suoi ospedali.
  • Il Presidente ha affermato che le accuse rivolte alla Siria, riguardo al possesso di armi chimiche, sono completamente politicizzate e si collocano nel contesto dell’avanzata dell’esercito arabo siriano nella lotta ai terroristi.
  • Il Presidente ha chiarito che la posizione politica della Russia ed il suo appoggio alla Siria  è la base che ha contribuito e contribuisce tuttora a ripristinare la sicurezza e a garantire i bisogni primari dei cittadini siriani.

14133_595543207156182_522110293_n

Di seguito il testo letterale dell’intervista rilasciata dal Presidente al quotidiano russo: Izvestia.,

1) La questione più importante è questa: qual è la situazione in Siria e quali sono le aree ancora sotto il controllo dei ribelli?

Risposta: La questione, per quanto ci riguarda, non è quali zone siano ancora sotto il controllo dei terroristi e quali sotto il controllo dell’esercito, poiché colui che stiamo affrontando non è un nemico che occupa il nostro territorio.

Coloro che stiamo affrontando  sono terroristi che entrano in aree o villaggi o nelle periferie di città, e seminano corruzione e distruzione, uccidono i civili innocenti che si ribellano ad essi e sabotano le infrastrutture. L’esercito, le Forze dell’Ordine e la Polizia intervengono per allontanarli ed eliminarli, ma quelli che riescono a scappare si rifugiano in altre zone, pertanto l’essenza di ciò che stiamo facendo è di eliminare i terroristi. Il problema che stiamo affrontando, e che ha causato il perdurare di questi eventi, è l’arrivo di un numero considerevole di terroristi dall’estero, decine di migliaia e oltre, riforniti continuamente di soldi  e armi, ma anche la nostra risposta è costante, ed io ribadisco che non vi è luogo in cui sia stato l’esercito siriano, che non sia riuscito a ripristinare la sicurezza, eliminando i terroristi. Coloro che stiamo affrontando sono in larga misura takfiristi di ideologia qaedista, una minoranza dei quali sono fuorilegge. Per questo motivo non si può parlare di aree controllate da loro o da noi. In qualsiasi luogo colpisca il terrorismo, noi contrattaccheremo.

2) I mass-media occidentali oggi affermano che questi terroristi combattenti controllano il 40% o persino il 70% del territorio siriano. Qual è la verità?

Risposta: Non c’è esercito al mondo, in nessun Paese,che possa schierarsi su tutto il territorio del Paese. I terroristi sfruttano questo fatto, tentando di accedere in ogni luogo in cui non vi sia l’esercito, muovendosi lungo diverse direzioni, e noi li fronteggiamo da un luogo all’altro, ed ogni località in cui l’esercito entra, viene completamente ripulita dai terroristi. Perciò torno a ripetere che la questione non è nelle aree  controllate dai terroristi, che cambiano di ora in ora, la questione riguarda invece il grande numero di terroristi che provengono dall’estero. Per valutare giustamente la cosa, bisogna piuttosto chiedersi se l’esercito arabo siriano riuscirà  ad avanzare e ad entrare in ogni località in cui vi sono terroristi e ad eliminarli. Io rispondo di sì, con assoluta certezza, perché è ciò che l’esercito continua a fare. Ciò richiederà un tempo maggiore, perché queste guerre non finiscono all’improvviso, ma richiedono  un tempo relativamente lungo e questo di per sé ci costa molto, poiché quando saremo riusciti ad eliminare tutti i terroristi in Siria, avremo pagato un prezzo molto alto.

L’Arabia Saudita guida i takfiristi con la sua ideologia wahhabista e li finanzia.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ARABA SIRIANA, Dott. BASHAR AL ASSAD

3) Signor Presidente, Lei ha parlato di combattenti islamisti estremisti takfiristi che entrano in Siria. Si tratta di gruppi sparsi, che combattono qua e là, o sono parte di una superpotenza che cerca di porre fine alla stabilità e alla sicurezza nel Medio Oriente, tra cui la Siria?

Risposta: Entrambe le cose, nel senso che ciò che li accomuna è l’ideologia e le fonti che li finanziano.  La loro è un’ideologia takfirista estremista, seguono con le loro opinioni personaggi particolari come per esempio al Zawahiri, e le fonti di finanziamento sono simili e talvolta identiche. Ciò che li differenzia è il loro lavoro sul territorio. Sono gruppi vari e sparsi, ogni gruppo ha una leadership indipendente e rispondono a ordini indipendenti, ma Lei sa benissimo che chi paga è chi, alla fine, tiene in mano il timone della loro leadership, ossia che è facile guidarli, per i Paesi che li appoggiano ideologicamente e finanziariamente, come per esempio l’Arabia Saudita. Alla fine però, anche se sono vari e sparsi sul territorio, i Paesi che li appoggiano ideologicamente possono guidarli direttamente, mediante messaggi estremisti, o indirettamente, come quando gli dicono, per esempio, che il jihad in Siria è un dovere per i musulmani, e allora vengono in Siria in migliaia a combattere. Anche chi li finanzia, può guidarli come vuole, e paga e arma affinché facciano quello che devono fare, ossia devastare il paese e fare terrorismo. Si figuri quando le due cose si sommano, qualche volta, come per esempio succede con l’Arabia Saudita, che li guida con l’ideologia wahhabita e li finanzia con i suoi soldi.

Chi parla della collaborazione tra Israele e i terroristi, è la stessa Israele, non la Siria. 

4)  Il Governo Siriano parla di una solida relazione tra Israele e i terroristi. Vorremmo comprendere questa relazione, crediamo che sia voluta perché, come è risaputo, la sola menzione del nome di Israele fa precipitare gli estremisti islamisti in uno stato di isteria e di odio profondo.

Risposta: Allora perché quando li attacchiamo ai confini, Israele si scontra con le nostre truppe per alleviare la pressione su di loro? Perché quando li teniamo in assedio, Israele gli apre le barricate affinché possano passare, riorganizzarsi  e attaccare da un’altra direzione? Perché è intervenuta direttamente attaccando l’esercito arabo siriano più di una volta, nei mesi scorsi?  No, questo è certamente inesatto. Chi parla della collaborazione tra Israele e i terroristi è la stessa Israele, non la Siria. Tant’è che Israele ha annunciato, più di una volta, di curare decine di terroristi nei suoi ospedali.  Se questi gruppi davvero odiano Israele, e il solo menzionarne il nome li fa diventare isterici e pieni d’odio, allora perché, nella storia, questi gruppi terroristici dall’ideologia estremista hanno combattuto l’Unione Sovietica, e stanno combattendo contro l’Egitto e la Siria, mentre per tre decenni non hanno mai mosso una sola operazione conto Israele. E poi, in fondo, chi ha creato  questi gruppi terroristici? Questi terroristici sono stati assoldati e appoggiati dagli Stati Uniti e dall’Occidente, generalmente con finanziamenti sauditi nei primi anni Ottanta, per contrastare l’Unione Sovietica in Afghanistan. Pertanto, com’è possibile che questi gruppi formati dall’Occidente e dall’America, colpire Israele?

Se c’è chi sogna che la Siria diventi una marionetta dell’occidente, ebbene questo è un sogno che non si avvererà

5) Signor Presidente, il Suo incontro con noi verrà tradotto in numerose lingue e sarà letto da molti leader mondiali, alcuni dei quali è contro la Siria. Che cosa vorrebbe dire a queste persone?

Risposta: Forse oggi ci troviamo di fronte a molti politici, ma non sono statisti. Alcuni di loro non sanno leggere la storia, da loro non c’è nulla da imparare, alcuni poi non possiedono la benché minima memoria del passato. Questi politici hanno forse imparato le lezioni del passato di 50 anni almeno, hanno letto ciò che hanno fatto i politici che li hanno preceduti, sanno che tutte le guerre sono fallite, a partire dalla guerra in Vietnam fino ad oggi? Hanno imparato che quelle guerre non sono servite a niente, se non a distruggere i Paesi che ne erano coinvolti, e a creare una situazione di instabilità nel Medio Oriente e in altre regioni nel mondo?  Hanno capito che quelle guerre non sono servite a far sì che i popoli della regioni si amassero o si convincessero delle loro politiche? Un’altra cosa vorrei dire a questi politici, ovvero il terrorismo non è la carta vincente che mettete in tasca e che tirate fuori quando e dove volete e la giocate innumerevoli volte! Il terrorismo è simile a uno scorpione che vi punge in qualunque momento, perciò non è possibile che stiate con il terrorismo in Siria e contro il terrorismo in Mali, per esempio. Non potete appoggiare il terrorismo in Cecenia e combatterlo in Afghanistan. E per essere molto preciso, qui mi riferisco  proprio all’Occidente e non a tutti i leader mondiali. Parlo di alcuni leader occidentali che “ hanno voluto che i loro interessi si concretizzassero” , devono ascoltare i popoli della regione e i loro stessi popoli, e non cercare leader “burattini”, sperando che loro siano in grado di realizzare i loro interessi. Forse, in questo modo, la politica occidentale prenderà una direzione più realistica. Se veramente volessi dare un messaggio al mondo, direi che se c’è chi sogna che la Siria possa essere una marionetta dell’occidente, ebbene questo è un sogno che non si avvererà, aggiungendo che la Siria è uno Stato indipendente che combatterà il terrorismo e manterrà i rapporti con i Paesi che vuole, in piena libertà e negli interessi del popolo siriano.

Le accuse sulle armi chimiche sono accuse assolutamente  politicizzate, che vanno collocate nel contesto dell’avanzata dell’esercito nella lotta al terrorismo

6) Mercoledì scorso i ribelli hanno accusato il Governo Siriano di utilizzare armi chimiche, alcuni leader occidentali hanno prontamente colto l’occasione di queste accuse. Qual è la risposta della Siria? Permetterete agli ispettori delle Nazioni Unite di accedere all’area per indagare sull’incidente?

Risposta: Quanto affermato dall’amministrazione americana, dall’Occidente e da altri Paesi, è un insulto al senso comune e una mancanza di rispetto alle loro opinioni pubbliche.   Non c’è una sola parte al mondo, si figuri una superpotenza, che muova un’accusa e poi ne dia corso, raccogliendo prove per dimostrarla. L’amministrazione americana ha mosso l’accusa mercoledì, e due giorni dopo ha annunciato che avrebbe cominciato a raccogliere prove – che genere di prove raccoglierà, a una simile distanza temporale? Per quanto concerne l’area di cui parlano,  del fatto che sarebbe sotto il controllo dei ribelli armati, e del fatto che l’esercito arabo siriano avrebbe usato armi chimiche, ebbene quest’area è contigua all’esercito siriano, pertanto come potrebbe qualsiasi Paese colpire con armi chimiche  o con qualsiasi arma di distruzione di massa una località nelle cui immediate vicinanze sono schierate le sue Forze Armate? Ciò sarebbe insensato ed illogico, perciò queste accuse sono assolutamente politicizzate e si collocano nel contesto dell’avanzata dell’esercito siriano contro i terroristi.

Per quanto riguarda invece la commissione d’indagine delle Nazioni Unite, noi siamo stati i primi a richiedere una commissione d’indagine quando i terroristi hanno lanciato un missile contenente gas tossici sulla periferia di Aleppo, nel nord della Siria. Senonché le dichiarazioni degli USA e dell’Occidente, prima di quell’incidente, e per mesi, parlavano del potenziale utilizzo di armi chimiche da parte dello Stato. Ciò ci ha fatti dubitare del fatto che fossero in possesso di informazioni circa l’intenzione dei terroristi di usare queste armi per accusare il governo siriano. Dopo opportune consultazioni con la Russia relativamente a quanto accaduto, abbiamo deciso di richiedere una commissione d’indagine per far luce sull’accaduto, ma gli USA, la Francia e la Gran Bretagna in primo luogo hanno voluto strumentalizzare la questione ai danni della Siria, per indagare su congetture e non su dati di fatto, come stanno facendo adesso, mentre noi l’abbiamo richiesta per indagare su dati di fatto sul territorio e non su dicerie o congetture. Durante le scorse settimane, abbiamo dialogato con i membri della commissione, ed abbiamo posto le basi della collaborazione, la cui linea rossa è la sovranità nazionale, per il resto tutto sarà svolto in piena nostra collaborazione, questo come primo punto.

Come secondo punto, la questione non riguarda soltanto le modalità in cui saranno condotte le indagini, ma anche la modalità in cui saranno interpretati i risultati. Siamo tutti consapevoli del fatto che, invece che essere interpretati oggettivamente, questi risultati potrebbero facilmente essere interpretati in base ai requisiti e alle agende di alcuni grandi Paesi. Per questo motivo ci aspettiamo che, al termine delle indagini, ci sia obiettività nella lettura dei risultati, così come ci aspettiamo che la Russia blocchi qualsiasi interpretazione che serva le politiche americana ed occidentali. La cosa importante è che noi distinguiamo tra le accuse occidentali, basate fondamentalmente su congetture, voci e dicerie, e ciò che abbiamo richiesto, ossia un’indagine basata su prove concrete e dati di fatto.

7) Recenti dichiarazioni dell’amministrazione  americana e di altri governi occidentali hanno affermato che gli Stati Uniti non hanno escluso un intervento militare in Siria. Alla luce di questo, sembra quindi probabile che gli Stati Uniti si vogliano comportare esattamente come hanno fatto in Iraq, in altre parole, vogliono cercare un pretesto per un intervento militare?

Risposta:  Questa non è la prima volta che si solleva  la possibilità di un intervento militare. Fin dall’inizio, gli Stati Uniti, insieme a Francia e Gran Bretagna, hanno cercato un intervento militare in Siria. Sfortunatamente per loro, gli eventi hanno seguito un corso diverso, spostando l’ago della bilancia contro i loro interessi nel Consiglio di sicurezza, nonostante i loro numerosi e vani tentativi di contrattare con la Russia e la Cina. Nemmeno i risultati negativi emersi in Libia e in Egitto sono stati in loro favore. Tutto ciò ha fatto sì che per loro fosse impossibile convincere i loro elettori e gli elettori del mondo del fatto che stavano perseguendo politiche corrette o di successo. La situazione in Libia è diversa anche da quella dell’Egitto e della Tunisia, e la situazione in Siria, come ho affermato, è a sua volta molto diversa da tutte le altre. Ogni paese ha una propria situazione unica, pertanto  applicare lo stesso scenario su tutta la linea non è più una scelta plausibile. Possono far scoppiare una guerra, ma non sono in grado di prevedere dove si diffonderà o come finirà. Ciò li ha portati a rendersi conto che tutti gli scenari che loro hanno prospettato, alla fine sono fuori del loro controllo. L’immagine chiara a tutti adesso è che ciò che sta succedendo in Siria non è una rivoluzione popolare, né richieste di riforme, bensì terrorismo che cerca di colpire lo stato siriano. Allora cosa diranno ai loro popoli, diranno : “Andiamo in Siria per appoggiare il terrorismo conto lo Stato?”

Le grandi potenze possono far scoppiare le guerre, ma sono in grado di  vincerle. 

Domanda: Cosa dovrà affrontare l’America, se dovesse optare per un intervento militare o una guerra contro la Siria?

Risposta: Quello che ha dovuto affrontare in ogni guerra dai tempi del Vietnam: il fallimento. L’America ha intrapreso molte guerre, ma non è mai stata in grado di realizzare i suoi obiettivi politici con nessun conflitto. Non riuscirà nemmeno a convincere il popolo americano dei benefici di questa guerra, né sarà in grado di convincere le persone in questa regione delle sue politiche e delle sue ideologie. Le grandi potenze possono far scoppiare le guerre, ma sono in grado di  vincerle

8) Signor Presidente, come è il Suo rapporto con il presidente Vladimir Putin? Vi telefonate? Se è così, di che cosa parlate?

Risposta: Ho un forte rapporto con il presidente Putin, un rapporto che si rifà a molti anni addietro, anche prima della crisi. Ci sentiamo di tanto in tanto, anche se la complessità degli eventi in Siria non può essere discussa al telefono. Il nostro rapporto viene facilitato da funzionari russi e siriani che si scambiano visite, la maggior parte delle quali si svolgono lontano dalle telecamere dei mass media.

9) Signor Presidente, ha intenzione di visitare la Russia o di invitare il Presidente Putin in Siria?

Risposta:  E ‘possibile, naturalmente, ma le priorità attuali sono di  lavorare per alleviare le violenze in Siria, perché ci sono vittime ogni giorno. Quando le circostanze miglioreranno, la visita sarà necessaria, ma per ora i nostri funzionari stanno gestendo bene questo rapporto.

La Russia difende i principi in cui crede, che ha abbracciato per più di cento anni, i primi dei quali sono l’indipendenza statale e  il principio di non ingerenza negli affari interni. 

10) Signor Presidente, la Russia si oppone alle politiche dell’UE e degli USA, soprattutto per quanto riguarda la Siria. Che cosa succederebbe  se la Russia adesso decidesse di scendere a compromessi? E’ uno scenario plausibile?

Risposta: Le relazioni russo-americane non devono essere viste attraverso il contesto della sola crisi siriana, ma vanno analizzate in una prospettiva più ampia e generale, di cui la questione siriana è solo una parte. Gli USA pensavano che il crollo dell’Unione Sovietica comportasse la distruzione totale della Russia. Dopo l’insediamento del presidente Putin alla fine degli anni ’90, la Russia ha cominciato a recuperare gradualmente, riconquistando  la sua posizione internazionale, da qui  la guerra fredda è iniziata di nuovo, ma in un modo diverso e più sottile.

1236833_595585453818624_1246782143_n

Gli USA hanno insistito su molti fronti, cercando di contenere gli interessi russi in tutto il mondo, nel tentativo di influenzare la mentalità dei russi più vicini all’Occidente, sia in termini di cultura che di aspirazione. Hanno lavorato diligentemente per eliminare il ruolo vitale e potente della Russia su molti fronti, uno dei quali è la Siria. Ci si potrebbe chiedere, come fanno molti cittadini russi, perché la Russia continua a stare dalla parte della Siria. E ‘importante spiegare questa ragione al grande pubblico: la Russia non sta difendendo il presidente Bashar al-Assad e il governo siriano, dal momento che il popolo siriano deve decidere il proprio presidente e il sistema politico più adatto – non è questo il problema. La Russia sta difendendo i principi fondamentali che ha abbracciato per più di cento anni, i primi dei quali sono l’indipendenza e la politica di non ingerenza negli affari interni. La Russia stessa ha subito e continua a subire tali interferenze. Inoltre, la Russia sta difendendo i suoi legittimi interessi nella regione. Alcuni analisti superficiali restringono questi interessi al porto di Tartous, ma in realtà gli interessi della Russia sono molto più rilevanti. Politicamente parlando, quando il terrorismo colpisce la Siria, un paese chiave nella regione, esso ha un impatto diretto sulla stabilità in Medio Oriente, che può in seguito influenzare la Russia. A differenza di molti governi occidentali, la leadership russa comprende pienamente questa realtà. Dal punto di vista sociale e culturale, non dobbiamo dimenticare le decine di migliaia di famiglie siro-russe, che costituiscono un ponte sociale, culturale e umanitario tra i nostri due paesi. Se la Russia dovesse cercare un compromesso, come mi si è chiesto, tutto questo sarebbe potuto succedere uno o due anni fa, quando l’immagine è stata offuscata, anche per alcuni funzionari russi. Oggi, il quadro è cristallino. La Russia che non è scesa a compromessi allora, non dovrebbe farlo ora.

Tutti i contratti firmati con la Russia sono stati onorati. 

11)  Signor Presidente, ci sono dei negoziati con la Russia per la fornitura di combustibili o materiale militare in Siria? E per quanto riguarda in particolare il contratto delle forniture dei missili S-300, sono stati consegnati?

Risposta: Naturalmente, nessun paese deve dichiarare pubblicamente gli equipaggiamenti e le armi che possiede, o i contratti stipulati a tale riguardo. Si tratta di informazioni strettamente classificate riguardanti le Forze Armate. Basti affermare che tutti i contratti firmati con la Russia sono stati onorati e né la crisi, né la pressione degli Stati Uniti, della UE o dei paesi del Golfo hanno avuto effetto sulla loro attuazione. La Russia continua a fornire la Siria di ciò ch’essa necessita per difendersi e per il suo popolo.

12)  Signor Presidente, di che tipo di aiuto necessita la Siria dalla Russia? Di aiuti economici o di equipaggiamento militare?  Ad esempio, la Siria potrebbe richiedere un prestito dalla Russia?

Risposta: Mancando la sicurezza, è impossibile avere un’economia. L’indebolimento della sicurezza comporta l’indebolimento della situazione economica, e ciò che la Russia sta fornendo per aiutare i siriani a difendersi, entro accordi militari,  porterà a una maggiore sicurezza, che a sua volta contribuirà a facilitare una ripresa economica. In secondo luogo, il sostegno politico della Russia per il nostro diritto di indipendenza e di sovranità ha svolto un ruolo significativo. Molti altri paesi si sono opposti politicamente al popolo siriano e tradotto questa politica mediante numerose decisioni, di cui le più importanti sono state le sanzioni economiche, di cui ancora soffriamo.  La Russia ha fatto l’esatto opposto.  Pertanto, in risposta alla Sua domanda, la posizione politica di sostegno della Russia e il suo impegno per onorare i contratti militari,  senza manifestare alcun cedimento alle pressioni americane,  hanno notevolmente aiutato la nostra economia, malgrado tutte le sanzioni,  che hanno avuto ripercussioni negative sulla vita e sul sostentamento del popolo siriano. Dal punto di vista puramente economico, ci sono diversi accordi tra la Siria e la Russia,  per la fornitura di merci e materiali, e qualunque prestito proveniente da un Paese amico come lo è la Russia, sarebbe vantaggioso per entrambe le parti: per la Russia è una opportunità per le sue industrie nazionali e per le imprese, per espandersi verso nuovi mercati, per la Siria fornisce alcuni dei fondi necessari per ricostruire le nostre infrastrutture e far rifiorire la nostra economia. Ribadisco che la posizione politica della Russia e il suo sostegno in questo ambito sono la base che si ha contribuito e contribuisce tuttora a ripristinare la sicurezza e a garantire il soddisfacimento dei bisogni fondamentali del popolo siriano.

13) Signor Presidente, possiamo definire la natura di questi contratti? Riguardano carburante o generi alimentari di base?

Risposta:  I cittadini siriani subiscono le sanzioni imposte alla loro alimentazione, alle loro medicine  e al loro fabbisogno di combustibile. Il governo siriano sta lavorando per far sì che tutti i cittadini possano accedere a questi bisogni primari, mediante accordi commerciali con la Russia e altri paesi amici.

14) Tornando alla situazione in Siria e alla crisi attuale, sappiamo che vengono promulgati in continuazione decreti di amnistia.  Queste amnistie includono anche i ribelli? Ci sono ribelli che, liberati per amnistia, sono passati a combattere dalla parte delle Forze Armate?

Risposta: Sì, questo è effettivamente il caso. Recentemente, c’è stato un notevole cambiamento, soprattutto da quando il quadro è divenuto più chiaro a molti, ossia molti hanno finalmente capito  che ciò che sta accadendo in Siria è puro terrorismo. Molti sono tornati allo Stato, una volta che la legge è stata applicata ai loro casi, molti hanno beneficiato dell’amnistia ed hanno consegnato le armi e sono tornati ad una vita normale.  La svolta più importante  riguarda alcuni gruppi che sono passati dal combattere contro l’esercito al combattere accanto ad esso, si tratta di persone che erano fuorviate da ciò che è stato propagato dai media o che hanno dovuto impugnare le armi sotto minaccia dei terroristi.  E ‘per questo motivo che, fin dall’inizio della crisi, il governo siriano ha lasciato la porta aperta a tutti coloro che volevano tornare, abbandonando la rotta iniziale che avevano imboccato contro il loro paese. Nonostante molte persone in Siria si siano opposte a questa politica,  essa si è rivelata efficace, contribuendo ad alleviare la tensione della crisi.

Alcuni Paesi che si schieravano con fermezza contro la Siria, hanno cominciato a cambiare posizione, mentre altri Paesi hanno ripristinato i rapporti con la Siria.

15)  Signor Presidente, può fare i nomi dei veri alleati della Siria, e dei suoi nemici? I rapporti della Siria con numerosi stati sono stati interrotti, come il Qatar, l’Arabia Saudita e la Turchia. Chi sta sbagliando, allora? 

Risposta: I paesi che ci sostengono sono ben noti a tutti: a livello internazionale la Russia e la Cina,  a livello regionale l’Iran. Tuttavia, stiamo iniziando a vedere un cambiamento positivo sulla scena internazionale. Alcuni paesi che si schieravano  con fermezza contro la Siria hanno iniziato a cambiare posizione, mentre altri hanno ripristinato i rapporti con noi. Naturalmente, i cambiamenti nelle posizioni di questi paesi non costituiscono un sostegno diretto. Al contrario, ci sono paesi che hanno direttamente mobilitato e sostenuto il terrorismo in Siria. Parlo prevalentemente del Qatar e della Turchia nei primi due anni; il Qatar finanzia, mentre la Turchia fornisce addestramento e supporto logistico ai terroristi. Recentemente, l’Arabia Saudita ha rimpiazzato il Qatar nel ruolo di paese finanziatore. Per essere franco, l’Arabia Saudita è un Paese che non ha niente, eccetto i soldi; e chi non possiede nulla se non denaro, non può costruire una civiltà o sostenerla, ma al contrario. Quindi l’Arabia Saudita attua i suoi piani a seconda di quanto denaro ha a disposizione.

La Turchia è un caso diverso. E’ un peccato che un grande paese come la Turchia venga manipolato da pochi dollari, è un peccato che un paese che ha una posizione strategica e una società liberale venga guidato da uno stato del Golfo dalla mentalità retrograda. Di tutto ciò,  si addossa la responsabilità il primo ministro turco,  e non il popolo turco,  con cui condividiamo grande parte del patrimonio, dei costumi  e delle tradizioni.

17) Signor Presidente, cosa rende le relazioni russo-siriane così solide? Sono interessi geopolitici? O il fatto che entrambi i Paesi condividono la lotta contro il terrorismo?

Risposta: Più di un fattore condiviso rende le relazioni tra la Siria e la Russia solide fino a questo punto. Il primo è che la Russia ha sofferto l’occupazione durante la seconda guerra mondiale e la Siria è stato occupata più di una volta. In secondo luogo, a partire dall’epoca sovietica, la Russia ha sofferto di continui e ripetuti tentativi  di ingerenza straniera nei suoi affari interni, e questo è anche il caso della Siria.

In terzo luogo, ma non meno significativo, vi è il terrorismo. In Siria, si capisce bene che cosa significa quando estremisti dalla Cecenia uccidono civili innocenti, che cosa significa tenere sotto assedio i bambini e gli insegnanti di Beslan o detenere persone innocenti ostaggi nel teatro di Mosca. Allo stesso modo, il popolo russo capisce bene quando in Siria parliamo dello stesso terrorismo, perché l’ha subito. Perciò, quando un responsabile occidentale dice che ci sono terroristi cattivi e terroristi moderati, è impensabile che i cittadini russi credano a un simile discorso.

Oltre a ciò, vi sono anche i legami delle famiglie siriane-russe che ho menzionato prima, che non si sarebbero sviluppate senza caratteristiche culturali, sociali e intellettuali comuni, così come anche gli interessi geopolitici menzionati in precedenza. La Russia, a differenza dei Paesi europei e dell’Occidente, è ben consapevole delle conseguenze della destabilizzazione della Siria e della regione e dell’effetto che questo avrà sulla diffusione inesorabile del terrorismo. Tutti questi fattori insieme plasmano la posizione politica di un grande paese come la Russia. La sua posizione non è fondata su uno o due elementi, ma piuttosto su un accumulo  storico, culturale e ideologico.

Ci aspettiamo che la conferenza di Ginevra cominci facendo pressione sui paesi che sostengono il terrorismo in Siria, per fermare il contrabbando di armi e il flusso di terroristi stranieri nel paese.

18) Signor Presidente, cosa accadrà alla Conferenza Ginevra 2, cosa si aspetta da questa conferenza?

Risposta: L’obiettivo della conferenza di Ginevra è quello di sostenere il processo politico e di facilitare una soluzione politica alla crisi. Tuttavia, ciò non può essere realizzato prima di arrestare l’appoggio straniero al terrorismo. Ci aspettiamo che la conferenza di Ginevra cominci facendo pressione sui paesi che sostengono il terrorismo in Siria, per fermare il contrabbando di armi e il flusso di terroristi stranieri nel paese. Quando questo avverrà, sarà facile intraprendere percorsi politici definiti, il primo dei quali sarà un dialogo tra le parti siriane per  discutere del futuro del Paese, della Costituzione, delle leggi, e così via.

Intervistatore: Grazie per la Sua sincerità e per aver parlato con trasparenza e franchezza  in questo incontro.  

tg24siria-nuovo-170x190

~~~   ~~~   ~~~   ~~~   ~~~   ~~~   ~~~   ~~~   ~~~

English/French/Spanish translation for this interview by Syrian Arab News Agency

Italian translation by F_Y – TG24Siria

August 26, 2013

This page at http://syrianfreepress.wordpress.com/2013/08/26/21132/

.

.

.

.

.

Advertisements

One thought on “President al-Assad: "Syria will never become a western puppet state, we will fight terrorism and freely build relationships that best serve the interests of the Syrians" ~ (ENG-FRA-ESP-ITA)

  1. Here is very interesting article from one of the mouthpieces of the warmongering classes in the UK; once a great newspaper- the Guardian. According to this article, 4,000 people have signed up in the defense of the Homeland in Syria in the last 48 hours. I’ve also read in the another website- the Voice of Russia- that thousands of Russians, Ukrainians and Byelorussians are willing to defend Syria. Syrian Army can train these additional forces and give them tasks that does not involve frontline fighting such as manning security check points, helping with order, rebuilding tasks so that SAA can focus on defending the country for the axis of evil forces

    http://www.theguardian.com/world/2013/aug/28/syrian-army-kamikaze-against-west-assad

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s